.
Corporate Social Responsability
World of Hairfashion and Beauty Business

PRODUCTS FOR HAIRDRESSERS AND SHOW - ENCYCLOPEDIC HAIR WEBSITE

news n°
96821
From gossip
20 Nov 2020

Whether you’re an assistant, a stylist or a manager, it’s easy to pick up bad habits over the years. But identifying them and breaking them is easier than you think, according to Akin Konizi, international creative director for HOB Academy. But, as 2020 gives us all a bit of time to think and reset, it’s the perfect opportunity to break bad habits – and start new ones !

Akin-Konizi

“Not all habits are bad, but those that are tend to stem from boredom or stress,” AKIN KONIZI says. “Bad habits may seem harmless, but they can affect the way you work, the quality of your work and the respect you get from clients and your team. Identifying your BAD HABITS is the first step, and BREAKING them isn’t as hard as you think.

2020 has been a year of REFLECTION and it’s the perfect chance to break those habits and replace them with ones that will make you a BETTER HAIRDRESSER.”

Five bad habits hairdressers can break, according to Akin Konizi

  • 1 Habit: Boredom
    Replace with: vigour. Being bored is the biggest habit to break. Think about why you are bored – it’s often because what you do has become repetitive. Try to work ‘consciously’ rather than just going through the motions.
  • 2 Habit: Shunning responsibility
    Replace with: culpability. We all need to be responsible for what we do, from the decisions we make to the hairstyles we create. Take responsibility for what you are creating and that will encourage your development.
  • 3 Habit: Staffroom breaks
    Replace with: getting out there. Sitting in the staffroom on your phone is such a waste of time, scrolling through gossip sites and general rubbish on social media. Because of social distancing it can be hard to be out on the floor, but use your free time with your team, watching what they are doing, have conversations with clients and team members.
  • 4 Habit: lack of communication
    Replace with: share your expertise. Never ask your client “what are we doing today?” You’re the expert, inspire your clients! They are visiting you for the benefit of your expertise, your knowledge and your advice. Ask open questions about how they feel about their hair, make recommendations and explain why you’ve made those recommendations, ultimately reaching an agreement between you both.
  • 5 Habit: using clippers
    Replace with: scissors. Don’t be tempted to use the clippers just because they’re quick and easy. Keep prioritising your scissor-over-comb skills; it develops your scissor action and opens up a world of cutting opportunities.
news n°
152824
From beautynews
24 Nov 2020

Nella famosa serie Il Trono di Spade direbbero “L’inverno sta arrivando”. E questo incide anche sulla skincare routine viso. Con la stagione fredda infatti arrivano anche tanti inconvenienti come pelle secca, labbra screpolate e rossori. Dopotutto siamo creature sensibili.

“Con il freddo, i livelli di umidità scendono in maniera drastica”, afferma Arabella Preston, l’ex make-up artist di Kate Middleton e co-fondatrice del brand di skincare Votary. “Se a questo aggiungiamo l’aria secca del riscaldamento e il fatto che, in inverno, le ghiandole sebacee rallentano la produzione di sebo, ne risulta che anche la pelle sana può risentirne e disidratarsi. Spesso diventa sensibile, il che può sfociare in altre problematiche potenzialmente gravi”.

Cosa possiamo fare quindi? “Durante i mesi invernali, è importante modificare leggermente la propria skincare routine viso”, dice Jasmina Vico, visagista di Jodie Comer. Da Dr Barbara Sturm, la dermatologa amata da Bella Hadid, a Sunday Riley, fondatrice dell’omonimo brand che vanta tra le sue fan la modella Sofia Richie, ecco di seguito i consigli di sette dei maggiori esperti di pelle (e dintorni) su come proteggersi del freddo invernale.

Arabella Preston, co-founder di Votary

1. La skincare a strati

Proprio come fareste col vostro amato cappotto invernale da indossare sopra un maglione in cashmere, che avete messo, a sua volta, sopra una canotta termica, allo stesso modo applicate un siero attira umidità (del tipo contenente acido ialuronico) sulla pelle pulita. Poi passate un olio viso e come step finale aggiungete una crema nutriente per fissare il tutto.

2. Proteggete la pelle dal contatto con l’acqua

Provate ad applicare un olio detergente su tutta la pelle prima di entrare nella vasca da bagno o di fare la doccia. Lasciatelo ‘in posa’ mentre vi insaponate o lavate e rimuovetelo solo prima di uscire. Poi iniziate immediatamente la vostra skincare viso a strati o spalmate una crema per il corpo sulla pelle ancora umida. Questo gesto contribuisce a mantenere la naturale idratazione lasciando l’epidermide morbida ed elastica.

3. Prestate un’attenzione particolare al contorno occhi e alla labbra

La pelle è più sottile in queste due aree e manca quasi interamente di ghiandole sebacee per proteggerla. Utilizzate sieri e oli per il contorno occhi in modo da lenire e proteggere l’epidermide. Per le labbra, scegliere un burrocacao occlusivo che fornisca una barriera protettiva contro vento e freddo (in modo da fissare l’idratazione piuttosto che fornirla).

Jasmina Vico, esperta di skincare routine viso

4. Investite in un umidificatore

In inverno le condizioni atmosferiche aggressive diventano un vero problema per la pelle dal momento che l’umidità è bassa sia fuori che dentro casa. Utilizzare un umidificatore contribuisce a reintegrare lo strato superiore dell’epidermide grazie al fatto che impedisce all’aria di diventare troppo secca.

5. Scegliete tessuti traspiranti

Per i capi da indossare a contatto con la pelle optate per tessuti morbidi e leggeri e state alla larga da quelli sintetici che potrebbero causare prurito.

6. Date la priorità agli ingredienti naturali

Le creme per il corpo e i saponi profumati seccano ulteriormente la pelle. Il consiglio è quindi di sostituirli con formulazioni naturali e senza profumo.

Emma Coleman, dermatologa e infermiera estetica professionale

7. Evitate i detergenti aggressivi ad alto contenuto di alcol

Optate invece per creme e unguenti. In caso di pelle molto secca potete scegliere di fare una doppia pulizia utilizzando l’acqua durante la prima detersione e un trattamento a secco durante la seconda.

8. Utilizzate un siero ad alto contenuto di vitamina C

Promuove la produzione di collagene e il ricambio cellulare.

9. Applicate una maschera al miele 3 volte alla settimana

Fatelo di sera dopo esservi struccate. Il miele è un umettante naturale, il che significa che sigilla l’idratazione nella pelle. Il suo utilizzo inoltre dona un effetto luminoso immediato. Lasciatelo agire per 10-15 minuti senza dimenticare la zona collo.

10. Usate un olio viso per la notte

Gli ingredienti da scegliere sono rosa canina, semi di soia e jojoba con un’alta azione idratante.

Dr Elif Benar, dermatologa

11. Scegliete la crema idratante giusta per il vostro tipo di pelle

Le creme idratanti fanno da barriera aiutando l’epidermide a mantenere la sua naturala idratazione e andando a nutrire gli strati più esterni. Se avete la pelle grassa, il consiglio è di scegliere prodotti a base d’acqua, non comedogenici. Per la pelle secca meglio optare invece per un idratante più ricco, a base di oli.

12. Evitate doccia e bagno troppo caldi

L’acqua calda evapora in fretta privando la pelle della sua idratazione naturale e danneggiandone la barriera protettiva. Quindi idratatela immediatamente dopo il bagno o la doccia.

Dr Barbara Sturm, medico estetico

13. Eliminate gli ingredienti che disidratano la pelle

Tra questi vi sono gli oli minerali e i peeling con acidi troppo aggressivi che danneggiano le cellule e riducono in maniera drammatica la funzione protettiva della pelle causando una perdita di acqua transepidermica e lasciandola maggiormente esposta agli agenti atmosferici.

14. Incorporate i lipidi nella vostra routine

Un buon prodotto idratante contenente lipidi e antiossidanti è un must immancabile. Per preparare e proteggere la pelle è bene usare una crema nutriente con ingredienti schermanti come l’olio di vinaccioli ma anche mantenerla ben equilibrata, soprattutto durante i mesi più freddi.

15. Usate un esfoliante delicato

È importante usare un esfoliante leggero per rimuovere le cellule morte dalla superficie della pelle e permettere a sieri e creme di penetrare in profondità. Rappresenta la vostra arma vincente contro punti neri e colorito spento.

Dr Paul Nassif, chirurgo plastico, specialista della pelle e fondatore di NassifMD Dermaceuticals

16. Aggiungete l’acido ialuronico alla vostra routine

L’acido ialuronico è ottimo per aiutare la pelle a mantenersi naturalmente idrata senza dover fare affidamento su creme molto ricche. Le molecole dell’acido ialuronico sono in grado di trattenere fino a 1000 volte il loro peso in acqua sigillando l’idratazione.

17. Applicate sempre la protezione solare

La cosa più importante che potete fare per la vostra pelle è usare la protezione solare ogni giorno (con almeno un fattore SPF30), anche in inverno. L’esposizione al sole può causare macchie, rughe, perdita di collagene e tumori della pelle. Utilizzare una protezione solare ha il vantaggio di compattare la pelle permettendo ad eventuali cicatrici e macchie di guarire e schiarirsi.

Sunday Riley, fondatrice e formulatrice dell’omonimo brand

18. Incorporate le ceramidi nella vostra skincare routine

Le ceramidi rappresentano un elemento importante della barriera cutanea e col passare degli anni l’organismo ne produce sempre meno. Con l’arrivo della stagione fredda, è buona norma includerle nella vostra skincare routine.

19. Non abbiate paura dei retinoidi

In estate, di solito, l’esposizione al sole è maggiore anche quando si utilizza una protezione solare. Usare i retinoidi in inverno può aiutare a contrastare gli effetti dell’esposizione solare estiva come macchie e danni cutanei. Iniziate con un retinoide a notti alterne a cui farete seguire una crema idratante molto nutriente o un olio per sigillare l’idratazione.

news n°
96746
From gossip
11 Nov 2020

GLI ORABONA PARRUCCHIERI, prestigioso salone di SAN GIORGIO CREMANO (NAPOLI) che è stato selezionato per essere inserito nella TOP HAIRSTYLISTS 2021-guida ai migliori parrucchieri d'Italia- ha ringraziato GLOBElife per la visibilità che si è già creata nel mercato.

Globelife-orabona

Sulla pagina FACEBOOK ANTONIO ORABONA scrivono di noi:

"In un momento così difficile e delicato per il nostro paese, aver ricevuto questa notizia è ancor più gratificante e ci spinge a guardare avanti sperando in un futuro migliore. Un ringraziamento speciale a CHARME&BEAUTY che ci ha segnalati a Globelife Hairfashion come candidati ideali per la categoria “MIGLIORI PARRUCCHIERI D’ITALIA”. Grazie anche e soprattutto alle nostre clienti che si affidano e ci permettono di migliorare giorno dopo giorno.Vi aspettiamo a San Giorgio a Cremano in Via Guglielmo Marconi 47, prenotando al numero 3335862693."

Via Guglielmo Marconi n. 47 - San Giorgio a Cremano (NA)
Tel. 3335862693

news n°
96809
From gossip
18 Nov 2020
magazine adv

Incredibile ma vero:

le AZIENDE dichiarano di cercare clienti nuovi, ma in realtà non fanno niente per procurarseli.
Si affidano al SOLO lavoro dei Rappresentanti, che senza aiuti di Comunicazione, Pubblicità e appoggio di Informazioni, devono cercare di perdere fatturato il meno possibile e non hanno certo il tempo per rincorrere clienti nuovi.

Le Aziende che, in questo periodo di COVID-19, spremono il tempo e la professionalità dei venditori senza dare alcunché in cambio, sperano così che i problemi si risolvano da soli.

Dov’è finita la capacità di COMUNICAZIONE in questo settore ?
E’ risaputo (meno che dai nuovi manager) che il settore dell’HAIRSTYLING è sempre stato trainato nel suo sviluppo dalla comunicazione/pubblicità che ha aiutato venditori grossisti/rivenditori a offrire “velocemente” le novità e le varie offerte commerciali/tecnico/artistiche.

Ma oggi ?!
Certamente i problemi quotidiani di questo periodo non possono essere addebitati solo al COVID-19 ma ad un’attitudine diversa rispetto al passato:
- Più sconti
- Meno pubblicità

Il risultato è sotto gli occhi di tutti
perché l’impoverimento del settore è
EVIDENTE.

Foto di Anja?#helpinghands #solidarity#stays healthy? da Pixabay

news n°
152817
From beautynews
23 Nov 2020
Carolyn Smith negli ultimi anni si è ritrovata tre volte faccia a faccia col tumore: due recidive, dopo la prima diagnosi. Ma ha sempre mantenuto un atteggiamento positivo, che come ha rivelato a Fanpage.it ritiene fondamentale nel percorso di guarigione. Un percorso che lei ha compiuto cercando di essere d'aiuto anche alle altre donne malate.
news n°
96862
From gossip
24 Nov 2020

GENTLE PROTECTIVE LIGHTENER è il DECOLORANTE pensato per i capelli più danneggiati

ALTER EGO ITALY del Gruppo Pettenon è un brand italiano professionale specializzato nell’haircare, la cui linea guida, musa e identità è la bellezza, intesa come linguaggio universale, capace di plasmare le nostre esperienze e di ispirare i professionisti per rispondere alle esigenze di una donna attuale e contemporanea.

ALTER EGO ITALY del Gruppo Pettenon amplia la famiglia BLONDEGO presentando Gentle Protective Lightener, un decolorante innovativo che permette una SCHIARITURA DELICATA in qualsiasi circostanza. Arricchito infatti dalla tecnologia rappresentata dal marchio Deco-cuddle Professional, è ideale per chi si sottopone frequentemente a servizi di schiaritura e per i capelli particolarmente sfruttati e danneggiati.

Gentle Protective Lightener è un decolorante in polvere con micropigmenti viola, con capacità neutralizzante, che permette tecniche di schiaritura sicure fino a 7 livelli.

L’eccellenza tecnica di questo prodotto è data dall’attivo OSMO PROTECTOR, che è in grado di mantenere l’equilibrio osmotico delle proteine, preservando la struttura della cheratina. OSMO PROTECTOR permette un’ottima performance in un solo step e in soli 45 minuti di posa, rispettando al massimo la struttura del capello.

La protezione del nuovo sistema PATENT PENDING è frutto di un’efficacia globale, della sinergia di un sistema, in grado di preservare l’equilibrio osmotico del capello. In questo modo le proteine capillari non vengono denaturate e la fibra resta intatta.

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI

PETTENON COSMETICS SpA
Via del Palù 7/D - 35018 - SAN MARTINO DI LUPARI (PADOVA)

news n°
96764
From gossip
13 Nov 2020
Griff Mira

GRIFF MIRA,
salone di bellezza di Mira ( VENEZIA ) presenta
PHON GHD
WISH UPON A STAR
una nuovissima Limited Edition
ricoperta da un meraviglioso bianco iridescente,
con eleganti dettagli in oro.

✨ Non fartela scappare, è un’edizione limitata ! ✨

griff mira

GRIFF MIRA Parrucchieri
Via Dante Alighieri 10, 30034 Mira (VE)
Telefono 041423025 / 3468489520

Griff Mira
è stato selezionato per la pubblicazione sulla:

TOP HAIRSTYLIST 2021
Guida ai Migliori Parrucchieri d’Italia

news n°
152830
From beautynews
24 Nov 2020
It's time he apologised for his racist behaviour.
news n°
152826
From beautynews
24 Nov 2020

Non era solo il “primo ministro della moda italiana”, come l’aveva definito ancora negli anni Cinquanta WWD. Beppe Modenese è scomparso serenamente la sera del 21 novembre a quattro giorni dal suo novantunesimo compleanno, nell’attico del palazzo milanese meraviglioso e carico di storia patria dove dal 2018, dopo la morte del compagno, l’architetto Piero Pinto, si era ritirato a una vita sempre più riservata. Circondato dall’affetto dei nipoti Rinaldo e Alessandro che ne avevano raccolto il testimone, era l’ultima fonte vivente degli albori della moda italiana del Novecento e della sua grandiosa affermazione sui mercati mondiali. 

La conosceva in ogni minima piega, in ogni dettaglio, in ogni volto, perché l’aveva fondata, ideata, guidata lui. Albese di buona famiglia e piacevole aspetto, aveva affiancato dapprima il marchese Giovan Battista “Bista” Giorgini nella prima sfilata alla Sala Bianca del 1952 (dove insistette perché venisse accolto l’adolescente Roberto Capucci), ma già nei primi anni Settanta aveva favorito la nascita del Modit e dei primi saloni del prêt-à-porter italiano a Milano che, non per nulla, gli aveva conferito l’Ambrogino d’Oro nel 1994. Era l’ultimo a poter evocare quei primi, gloriosissimi accenni di un sistema che oggi, come dicono tutti ma nessuno forse si rende conto davvero di quanto, rappresenta la seconda voce nella bilancia dei pagamenti. 

Beppe Modenese con Lee Radziwill nel 1982
Lee Radziwill and Beppe Modenese
Beppe Modenese con Lee Radziwill nel 1982
Images Press

Con la sua voce sempre pacata e gli occhi che sprizzavano scintille di malizia, quel combinato di humor, severità ed eleganza che per molti secoli è stato il tratto del gentiluomo, il presidente onorario della Camera della Moda Italiana poteva raccontare di mondi, luoghi e persone che ormai si leggono, spesso malamente, sui libri di storia: conosceva ogni segreto e ogni “svirgolo” dei soggiorni fiorentini di Carmel Snow, la leggendaria direttrice di Harper’s Bazaar che aveva lanciato Alexey Brodovitch, Diana Vreeland e la definizione di New Look; aveva partecipato alle feste capresi di Irene Galitzine e assistito alle sue manifestazioni di amicizia per Jackie Kennedy; aveva vissuto nell’atelier di Coco Chanel, per la quale aveva organizzato anche una storica sfilata a Mosca; per decenni, era stato il portavoce e lo stratega nazionale di Estée Lauder, e non (solo) del marchio, ma della gran dama di stratosferica ambizione. 

Se voleste andare a cercare nel sito Rai Teche chi fu l’autore dei primi servizi sulla moda, nel 1957, troverete il suo nome, accanto a certe splendide inquadrature di Palazzo Pitti e delle ultime, in realtà uniche, interviste video a Simonetta Colonna di Cesarò, alle Sorelle Fontana, a Jole Veneziani. Fu il primo a credere in Domenico Dolce e Stefano Gabbana, convincendo schiere di giornaliste a fare lo stesso: se gli eri simpatico, o riteneva che meritassi fiducia, non ti avrebbe mai fatto mancare il suo supporto, la sua presenza discreta e affettuosa. Arrivava nei suoi completi doppiopetto di gran taglio e nelle civettuole, immancabili calze lunghe rosse, diceva sempre le cose appropriate, ma se era il caso non faceva sconti. Un po’ di sé l’aveva raccontato a Roberta Filippini nel libro “BM. Ministry of elegance”, edito da Skira nel 2013, che rappresenta il suo testamento visivo e narrativo. Qualcosa lo raccontava sul filo delle libere associazioni, magari durante quelle serate mondane, le “prime” della Scala dove arrivava con Piero e l’amica Evelina Shapira, le aperture della Biennale arte e architettura di Venezia dove possedeva una casa deliziosa. Avremmo tutti voluto sapere sempre di più, ma siamo già grati di quanto ha voluto concederci. Grazie di tutto, Beppe Modenese. 

news n°
96872
From gossip
24 Nov 2020

Lisciante per capelli
Emugel SHEER HAIR
Brazilian Vegan Protein

sheer hair lisciante

TRATTAMENTO INNOVATIVO per il LISSAGE e la RICOSTRUZIONE della fibra capillare

Grazie alla sua composizione ricca di principi attivi naturali
liscia, ricostruisce, rinforza e disciplina
i capelli donando controllo e lucentezza.

Azione Lisciante
Azione Lucidante
Azione Ricostruttiva
Azione Ristrutturante
Azione Idratante
Controllo Volume
Effetto Duraturo
Elimina il Crespo
Versatile
Applicazione One Step

sheer hair

FORMULAZIONE ARRICCHITA con:

  • TIGLIO BRAZILIAN - Altamente nutriente dona lucentezza e cosmeticità;
  • GERME DI GRANO - Azione districante e idratante;
  • SOIA - Protegge la fibra capillare da azioni termiche, chimiche e meccaniche;
  • ALGA ROSSA BRAZILIAN - Azione antiossidante naturale, dona elasticità e resistenza;
  • RISO - Ricco di antiossidanti e minerali;
  • TILICINA - Attivo organico naturale che ricopre il capello con film vegetale, liscia e leviga le cuticole;
  • TREALOSIO - Estratto dalla rosa di gerico, agisce sui capelli, idratando la fibra capillare.

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI

SHEER HAIR EMULSIONE GEL Brazilian
è un PRODOTTO CONSIGLIATO dal talent-influencer

pettinato luigi parrucchiere

Distribuito da FRAME Sas
Via Trieste 72 - 10086 -  Rivarolo Canavese (TORINO) - Italy

VISITA IL SITO WEB

news n°
152825
From beautynews
24 Nov 2020

Si sentiva appesantito, affaticato, fuori forma, il cervello appannato e la camminata lenta. Per questo motivo, in tempi recenti, il conduttore e giornalista televisivo Paolo Del Debbio, 62 anni, volto noto di Rete4, ha deciso di rivolgersi a un medico per mettere a punto una strategia di remise en forme sicura e sostenibile. Niente dieta proibitiva, niente allenamento da Marines, niente prodotti dimagranti pseudo miracolosi: quello che Paolo Del Debbio ha iniziato a fare, con costanza, giorno dopo giorno, è stato moderare le porzioni di cibo e aumentare il tempo dedicato all'attività fisica.

Health Focus
La dieta che funziona è quella fatta a seconda dell'età
Lato alimentazione, sappiate che le esigenze femminili cambiano moltissimo a seconda degli anni che si hanno. Ecco le linee guida a tavola per le principali fasce d'età
La testimonianza di Paolo Del Debbio al Corriere della Sera

Come ha raccontato lo stesso Del Debbio al Corriere della Sera, “Prima facevo sempre due cose che amavo: stavo fermo in poltrona a leggere e mangiavo e bevevo con gusto. Ora mi muovo molto e mangio poco”. Da cui il raggiungimento di una forma fisica invidiabile, immediatamente notata dal suo fedele pubblico. E se vi state chiedendo quali siano i pilastri della dieta dimagrante messa a punto dal medico di Del Debbio, sappiate che il programma seguito dal giornalista toscano si basa principalmente su un elemento: l'equilibrio. “Non è che ho trovato una dieta miracolosa. Ne ho fatto una di buon senso: ho tolto le cose che fanno ingrassare e sono andato di verdure, carne, pesce. Con la dieta non esiste il miracolo, esiste solo un clic nel cervello e l'umana volontà”.

Dimagrire come Paolo Del Debbio: il commento della nutrizionista

Secondo Laura Quinti, nutrizionista di Terme di Saturnia Spa & Golf Resort, "La prima cosa che possiamo imitare è la determinazione e la volontà di impegnarsi. Troppo poco lo si dice, ma senza motivazione nessuna dieta può portare ai risultati sperati. Un altro aspetto positivo dell'approccio di Paolo Del Debbio riguarda la scelta di rivolgersi a un professionista qualificato, evitando rigorosamente il fai da te: troppo spesso ci si fa tentare da questa o quella dieta di tendenza, bypassando il colloquio con un medico e-o nutrizionista, correndo così il rischio di problemi di salute non secondari. Altra lezione che ci dà Paolo Del Debbio con la sua testimonianza: si può assolutamente dimagrire mangiando di tutto un po', con consapevolezza e moderazione, sposando la varietà e la qualità dei cibi. Da copia e incollare subito anche lo stile di vita attivo: è fondamentale a qualsiasi età abbinare a un piano alimentare su misura un'attività sportiva, fosse anche solo una camminata quotidiana. Non dimentichiamoci che, a fare sport, guadagniamo anche un umore migliore, dato che l'attività fisica innesca un aumento della produzione di endorfine, con relativa sensazione di benessere per le ore successive. Senza contare che un corpo che perde peso molto velocemente necessita di un buon allenamento per tonificare i tessuti".

news n°
152819
From beautynews
24 Nov 2020
The Specials: il film. La trama e i racconti dal set di Vincent Cassel

Vincent Cassel dice che la sua fortuna contro gli scocciatori e gli impiccioni è la faccia da duro che si ritrova, ma in fondo ha un cuore d’oro. È un gentiluomo quando parla della ex moglie Monica Bellucci (da cui ha avuto le figlie Deva e Léonie, 16 e 10 anni) e diventa un tenerone davanti ai sorrisi della piccola Amazonie, nata dal matrimonio con la modella Tina Kunakey, sposata due anni fa.

Lo conferma anche il suo ultimo progetto, The Specials – Fuori dal comune (presentato in anteprima al Festival di Cannes e poi ad Alice nella città durante la Festa del cinema di Roma), disponibile su Sky Primafila Premiere e dal 23 anche sulle maggiori piattaforme (iTunes, Amazon Prime Video, Google Play, TimVision e Rakuten TV).

Vincent Cassel
Vincent Cassel
La trama

La storia del film s’ispira a fatti realmente accaduti al fondatore dell’associazione Le silence des justes (Stéphane Benhamou) e al direttore di Le relais IDF (Daoud Tatou). Uno dei due, Bruno, ha appunto il volto di Cassel, e si occupa con il collega Malik (Reda Kateb) di organizzazioni no profit a favore dei bambini autistici. Vivono nei quartieri più pericolosi e disagiati di Parigi e vengono emarginati per i loro problemi ancora di più, ecco perché la presenza di questi angeli custodi generosi e instancabili ha il potere di cambiare loro la vita.

La parola a Cassel

Il 53enne attore parigino si mette letteralmente a nudo in un ruolo che lo spoglia dalla fama di sex symbol e lo trasforma in un eroe ordinario, silenzioso e dimesso, di quelli che non fa notizia. “Non sapevo nulla dell’autismo – dice parlando di The Specials, film che è il suo ultimo progetto – né conoscevo nessuno che ne fosse affetto e non avevo idea di cosa mi sarei dovuto aspettare, il che mi metteva fortemente a disagio”. E poi? “Mi è bastato un attimo per entrare in empatia con la parte e i suoi protagonisti, dopo molte ricerche. Volevo essere fedele a chi davvero dedica la propria vita agli altri tutti i giorni, senza scadere nel melenso e tradirne gli intenti”.

Anche se non Cassel non aveva avuto esperienza di prima mano dello spettro e delle sue conseguenze, sa bene chi siano gli ultimi. “In Brasile (dove l'attore ha abitato per qualche tempo, ndr) – aggiunge – almeno l’80% degli abitanti è impossibilitato ad accedere ai servizi di base, dall’istruzione alla sanità. Ecco perché oggi voglio fare film capaci di lasciare il segno, che ti facciano ridere ma poi ti facciano riflettere, proprio come la vita, che in fondo non è che una dramedy”.

Cassel in un frame di “The Specials”
Cassel in un frame di “The Specials”

L’empatia, parole sue, si è amplificata con l’esperienza della paternità: “Le mie figlie mi hanno cambiato la vita – conclude – sono il mio faro nel mondo e mi hanno insegnato una tenerezza che non credevo possibile. Con loro ho smussato gli angoli spigolosi del mio carattere e oggi mi sento un uomo nuovo”.

Leggete anche il nostro articolo su 5 film che sono altrettante lezioni di vita
5 film che parlano di amore, malattia e speranza
Aiuta a esorcizzare il dolore e la morte, racconta storie vere ed è molto popolare tra i più giovani: il filone della sick lit al cinema raccoglie vicende personali che si trasformano in lezioni di vita
The Specials
The Specials
news n°
96840
From gossip
19 Nov 2020

PAOLO BRAGUZZI lascerà l’attuale posizione di Amministratore Delegato e Direttore Generale del Gruppo Davines.

paolo braguzzi
Paolo Braguzzi - Gruppo Davines

Il Consiglio d’Amministrazione ha nominato ANTHONY MOLET (attualmente CEO di Davines North America) al posto di Paolo Braguzzi, a partire da maggio 2021.

antony molet
Anthony Molet - Gruppo Davines

“Ritengo che sia sempre più responsabilità delle aziende educare il consumatore e influenzarne i comportamenti in una direzione più sostenibile - dice Anthony Molet. Quello che trovo estremamente interessante in Davines è la capacità di avere un impatto sulle persone, esattamente come è stato con me. In questi anni, Paolo Braguzzi ha costruito un perfetto equilibrio tra valori, qualità dei prodotti e salute finanziaria, e io mi impegno a continuare su questo percorso”.

news n°
96834
From gossip
18 Nov 2020

Caro Rivenditore / Grossista,
Tu sai di essere corteggiato dalle Aziende perché il tuo lavoro di collegamento finale col parrucchiere è molto importante.
La tua introduzione nei Saloni, l’amicizia personale con i parrucchieri è quasi insostituibile.

Hai qualità e meriti, però ti manca un po’ di professionalità per cui si crea insoddisfazione nelle Aziende.
Ma perché invece di qualche punto di SCONTO, non pretendi un po’ di PUBBLICITA’ per aiutarti a presentare e vendere i vari prodotti, sì da velocizzare e facilitare i contatti con i tuoi Clienti ?

Oggi poi che la pubblicità, sia su carta che on-line, è alla portata di tutti,
RICHIEDILA CON FORZA !
Solo così ti garantirai il Tuo futuro,
altrimenti l’E-Commerce ti darà dura battaglia.

Infografica vettore creata da upklyak - it.freepik.com

news n°
96796
From gossip
16 Nov 2020

Centri estetici in zona arancione aperti

centri estetici

CONFESTETICA attraverso un Comunicato Ufficiale del 15 Novembre 2020 dichiara che sono consentiti gli spostamenti dei clienti dei Centri Estetici in altro comune diverso dal proprio, con autocertificazione, nelle ZONE ARANCIONI.

Donna foto creata da Racool_studio - it.freepik.com

news n°
152820
From beautynews
24 Nov 2020
È il momento di puntare su outfit casual-chic. Perché stare a casa non vuol dire dimenticare lo stile. Ecco gli abbinamenti irrinunciabili dell'inverno 2020

Il momento non è dei migliori. La maggior parte dell'Italia sta vivendo confinata a casa a causa dell'epidemia di Coronavirus che ha bloccato le nostre vite. Ne consegue che anche il nostro stile è cambiato. Ora punta alla comodità come ogni divisa casalinga insegna. Ma questo non vuol dire che dobbiamo dimenticare cosa sia l'eleganza e rinunciare ai trend del momento. È, invece, il caso di coccolarsi con outfit casual chic che siano perfetti per stare ma che seguano le ultime tendenze. I diktat di base? Forme rilassate, tessuti fluidi o morbidi e zero altezze. Si viaggia su scarpe flat. Ecco gli abbinamenti irrinunciabili casual-chic per stare a casa dell'inverno 2020.

Blazer in tweed + pantaloni o jeans

Giambattista Valli Autunno Inverno 2020 2021
Giambattista Valli Autunno Inverno 2020 2021

Luxury tracksuit + sneakers

Dior Autunno Inverno 2020 2021
Dior Autunno Inverno 2020 2021

Mini abito ad A + ballerine o Mary Jane

Marc Jacobs Autunno Inverno 2020 2021
Marc Jacobs Autunno Inverno 2020 2021

Total look in maglia 

Dolce & Gabbana Autunno Inverno 2020 2021
Dolce & Gabbana Autunno Inverno 2020 2021

Maglione + gonna midi morbida

Chloé Autunno Inverno 2020 2021
Chloé Autunno Inverno 2020 2021

Abito in maglia + slipper

Jil Sander Autunno Inverno 2020 2021
Jil Sander Autunno Inverno 2020 2021
Copia il look
I migliori outfit casual chic autunno inverno 2020 2021
I must have moda per un outfit casual chic
news n°
152828
From beautynews
24 Nov 2020

NOVEMBER 22nd, 7 pm – 8 pm CET Live on photovoguefestival.vogue.it Embracing gender fluidity, the diversity of bodies and beauty types, regardless of race and ethnic group, is a conquest that is changing the aesthetic standards of our times, thereby proceeding to change people’s cultural and identity codes in terms of inclusivity, openness and dialogue. And yet, much still needs to be done, for instance, with regard to the representation of disability. An issue dear to Photo Vogue Festival and its Artistic Director Alessia Glaviano from its first edition. Glaviano will talk about the changes that we are witnessing in regard to the representation of people with disabilities in the fashion industry with Aaron Philip, the first model with disability to be the face of a major high fashion brand, and Claudia Walder, editor, creative director and disability activist.

Talk in English

BIOGRAPHIES

Aaron Philip
Aaron Philip
Tyler Mitchell

Aaron Philip Aaron Philip refuses to be defined. Hailing from The Bronx by way of the Caribbean nation of Antigua and Barbuda, Aaron was discovered through her social media where she took notice of the lack of representation of trans women of color within the fashion industry, let alone anyone with a disability. Represented by Community New York, she has emerged as a trail-blazer, determined to represent her communities as a model.

With a steadfast, sincere approach to her career, Aaron (pronounced A-ron) is driven by the lack of disability representation in the media, specifically in the fashion and beauty realms. Right off the bat, Aaron has been a catalyst of change by openly speaking about her experience with bigotry from being a black model. She's actively worked towards an inclusive industry via her editorial features in i-D, Dazed, ELLE, Teen Vogue, and Allure magazines, as well as Refinery29 and Now This. With a successful modeling career in bloom, Aaron has laid a fantastic foundation for what she hopes many others will soon follow alongside her.

Claudia Walder
Claudia Walder
Jamie Kendrick

Claudia Walder Claudia Rose Walder is an editor, creative director and disability activist from London, UK. She is a former fashion stylist with a first-class degree in Fashion Journalism. As a stylist, Claudia’s work has been seen on high-profile names including Stormzy, D Double E, Munroe Bergdorf and in publications including Riposte Magazine, Sukeban, Fucking Young! and Bricks. After becoming sick with Myalgic Encephalomyelitis in 2017 Claudia founded Able Zine - a publication and platform dedicated to disabled and chronically ill communities, young people and creatives. Able Zine tackles stereotypes surrounding disability, seeing orders from all over the world and receiving feedback from Tate Modern and the BBC, who described the publication as “sexy”. Her work has also been profiled in this year’s Dazed 100 and the September issue of British Vogue.

Alessia Glaviano
Alessia Glaviano

Alessia Glaviano Alessia Glaviano is the Brand Visual Director of Vogue Italia and Director of the Photo Vogue Festival. Glaviano is a leading figure in the panorama of international photographic criticism. Besides curating a series of interviews with the Masters of photography for Vogue Italia’s website and instagram, which have acquired enormous popularity among the community of people interested in photography and which are also broadcast on Sky Arte channel, in 2011 Glaviano launched Photo Vogue, an innovative platform on which users can share their own photographs knowing they can rely on the curatorial supervision of professional photo editors.  At a time when photography was already ubiquitous online, Alessia felt that what was missing was a curated platform dedicated to it.

Conceived as a community with a strong sense of belonging, as of today, Photo Vogue counts over 230,000 photographers, from amateurs to professionals, hailing from all over the world, with a shared passion for photography and the desire to help each other and grow together. Anyone can register and upload images of all genres, from portraiture to reportage, fashion and street photography.

Curating a pool of incredible image-makers from all around the world, Photo Vogue is a great example of diversity behind the camera.

Many of Photo Vogue photographers have grown to become some of the most interesting voices in contemporary photography, who now regularly produce editorials and branded content for the most prestigious international magazines. The mission of Photo Vogue has always been to champion talent and contribute to shaping a richer and more diverse industry. In order to have a physical and virtual space in time to bring the community together and further the conversation around the promotion of creativity, diversity and justice in image-making, in 2016 Milan hosted the first edition of the Photo Vogue Festival. The event marked the first conscious fashion photography festival dedicated to the shared ground between Ethics and Aesthetics, bound to an influential fashion publication, and engaging the whole city of Milan with talks, exhibitions and photography-related initiatives. The 4 editions of the festival in 2016, 2017, 2018 and 2019 were always met with critical and public success.

Besides the editorial activity, Alessia holds lectures and conferences on a regular basis. Some of the institutes and universities she was invited as guest lecturer include: IED, Bocconi University and the Milan Polytechnic.

Glaviano was invited to participate as jury member in numerous internationally acclaimed photography contests including the World Press Photo and the Festival International de Mode et de Photographie à Hyères; and has participated in several portfolio review sessions, including the “New York Times Portfolio Reviews”. *ITA*

22 NOVEMBRE, 7 pm – 8 pm CET Live su photovoguefestival.vogue.it

Accogliere la fluidità di genere, la diversità dei corpi e dei tipi di bellezza, indipendentemente dalla razza e dal gruppo etnico, è una conquista che sta cambiando gli standard estetici del nostro tempo, contribuendo di conseguenza a modificare i nostri codici culturali e identitari in termini di inclusività, apertura e dialogo. Tuttavia molto resta ancora da fare, ad esempio, per quanto riguarda la rappresentazione della disabilità, un tema caro a Photo Vogue Festival e alla sua direttrice artistica Alessia Glaviano fino dalla sua prima edizione. Insieme ad Aaron Philip, il primo modello con disabilità scelto come volto di un importante marchio di alta moda, e Claudia Walder, redattrice, direttrice creativa e attivista per la disabilità, Glaviano parlerà dei cambiamenti a cui stiamo assistendo riguardo alla rappresentazione delle persone con disabilità nel settore della moda.

Talk in inglese

BIOGRAFIE

Aaron Philip Aaron Philip rifiuta qualunque tipo di definizione. È originaria del Bronx, ma le sue radici sono nei Caraibi, ad Antigua e Barbuda. Aaron è stata scoperta sulle sue pagine social dove ha messo in evidenza la mancanza di rappresentazione delle donne di colore trans nella fashion industry, per non parlare di quelle con disabilità. Rappresentata da Community New York, è una vera innovatrice, determinata a rappresentare le sue community attraverso il suo lavoro di modella. Grazie a un approccio alla sua carriera sincero e risoluto, Aaron (che si pronuncia A ron) quello che la spinge è la mancanza di rappresentazione della disabilità da parte dei media, in particolare nella moda e nel beauty. Fin da subito Aaron ha messo in luce il bisogno di cambiamento, parlando apertamente delle sue esperienze personali di intolleranza in quanto modella black. E si è impegnata attivamente per rendere la fashion industry più inclusiva grazie ai suoi lavori apparsi su i-D, Dazed, ELLE, Teen Vogue e Allure, oltre che su Refinery29 e Now This. Grazie alla sua carriera di modella, che sta decisamente decollando, Aaron ha aperto la strada a tante persone che spera vorranno seguire il suo esempio.

Claudia Walder Claudia Rose Walder è giornalista, direttrice creativa e attivista per le disabilità londinese e una ex stylist con una laurea in Fashion Journalism. Quando lavorava come stylist, Claudia ha collaborato con nomi prestigiosi come Stormzy, D Double E, Munroe Bergdorf e i suoi lavori sono apparsi in pubblicazioni come Riposte Magazine, Sukeban, Fucking Young! e Bricks. Dopo essersi ammalata di encefalomielite mialgica nel 2017, Claudia ha fondato Able Zine – una pubblicazione e piattaforma pensata per le community di persone con malattie croniche e disabilità, per i giovani e per i creativi. Able Zine, richiesta dai lettori di tutto il mondo, affronta il tema degli stereotipi sulla disabilità e ha ricevuto feedback positivi da parte della Tate Modern e della BBC, che ha definito la pubblicazione “sexy”. Del lavoro di Claudia si è parlato quest’anno su Dazed 100 e sul numero di settembre di British Vogue.

Alessia Glaviano Brand Visual Director di Vogue Italia e L’Uomo Vogue e direttore del Photo Vogue Festival. Alessia Glaviano è una figura di spicco nel panorama della critica fotografica internazionale. Oltre ad avere curato una serie di interviste ai Maestri della fotografia per il sito di Vogue Italia, diventata un cult per tutti gli appassionati di immagine e trasmessa anche sul canale Sky Arte, Alessia Glaviano ha ideato nel 2011 PhotoVogue, una piattaforma innovativa in cui, con la curatela di curatela di Photo Editor di professione, gli utenti possono condividere le loro fotografie.

In un’epoca in cui la fotografia era già onnipresente online, Glaviano realizza che ciò che manca è una piattaforma curata ad essa dedicata.

Pensato come una comunità caratterizzata da un forte senso di appartenenza, ad oggi, Photo Vogue conta oltre 230.000 iscritti, tra fotografi amatoriali e professionisti provenienti da ogni parte del mondo, accomunati dalla passione per la fotografia e dal desiderio di aiutarsi e crescere assieme. Chiunque può registrarsi in Photo Vogue e caricare le proprie immagini che possono essere di ogni genere fotografico, dalla ritrattistica al reportage, passando per la fotografia di moda e la street photography.

Il pool di straordinari image maker da tutto il mondo e la relativa attività curatoriale della piattaforma hanno reso Photo Vogue un ottimo esempio di diversità e inclusione dietro l'obiettivo fotografico. Con il tempo, molti dei fotografi di Photo Vogue sono cresciuti diventando tra le voci più interessanti del panorama fotografico contemporaneo e ora firmano editoriali e branded content per le riviste internazionali più prestigiose. La mission di Photo Vogue è da sempre quella di sostenere il talento fotografico e costruire un futuro di diversità e inclusione nel mondo della moda e dell'immagine. Allo scopo di creare uno spazio temporale sia virtuale che fisico che potesse riunire la comunità di artisti e far progredire il dialogo sulla promozione della creatività, della diversità e dell’etica all'interno della fotografia e delle arti visive, nel 2016, a Milano avviene la prima edizione del Photo Vogue Festival. L'evento ha rappresentato il primo festival internazionale della fotografia di moda dedicato al terreno comune tra etica e estetica, legato ad un magazine autorevole e in grado di coinvolgere l'intera città di Milano con talk, mostre e iniziative fotografiche. Le 4 edizioni del festival nel 2016, 2017, 2018 e 2019 hanno riscosso un grande successo di pubblico e critica.

Glaviano affianca la sua attività editoriale all'insegnamento, tenendo lecture e conferenze. Tra gli altri è stata ospite dello IED, della Bocconi e del Politecnico di Milano.

Alessia Glaviano ha partecipato come giurata in concorsi fotografici importanti a livello internazionale, tra cui il World Press Photo e Il Festival International de Mode et de Photographie à Hyères;  ha tenuto diverse letture portfolio, tra cui la “New York Times Portfolio Reviews”.

news n°
152823
From beautynews
24 Nov 2020

I fashion film sono uno strumento straordinario per distrarci in questo periodo di coronavirus. Soprattutto se sono esteticamente bellissimi come Business as Usual, l’ultimo fashion film diretto dalla regista e fotografa Monica Menez in collaborazione con il brand Willems Eyewear. Vincitore di Best Art Direction al Barcelona Fashion Film Festival, Best Beauty a A Shaded View on Fashion Film e Best Performance al Buenos Aires Fashion Film Festival, il cortometraggio ci porta nei retroscena del Willems Beauty Palace - un salone di bellezza estremamente esclusivo.

In linea con l’estetica impeccabile, ma allo stesso tempo stravagante di Menez, Business as Usual si ispira ai lavori surreali del regista francese Jacques Tati. Per esempio la palette di colori del capolavoro Playtime ha influenzato la scelta della location; l’edificio in Business as Usual infatti racchiude in sé diverse tonalità di grigio. È il salone di bellezza ad essere il vero protagonista del fashion film, nel quale Menez ha lasciato che la sua immaginazione vagasse per creare le diverse trame di Business as Usual.

Come di consuetudine nei suoi lavori, l’abilità di Menez risiede nel fare uso di eroticismo senza scadere nel volgare. L’idea non è di provocare né di essere sexy, ma piuttosto di creare una lieve tensione nel corso del film. Ciò che risulta interessante è l’interazione tra i diversi personaggi ed il suo aspetto psicologico.

La collaborazione tra Menez e Willems Eyewear è nata nel 2011, quando il brand le diede completa libertà creativa per la loro ultima campagna pubblicitaria. Menez propose un fashion film, dando così luce al suo primo progetto video, Precious. Da allora Menez ha creato diversi fashion film, portandola a selezioni e vincite ad eventi internazionali come Berlin Commercial, T Magazine (New York Times) Selection e Fashionclash Festival Maastricht.

Credits

Director: Monica Menez (@monicamenez)

Production Company: Ironic View Production

Director of Photography: Paul Robert Klinar

Editor: Raquel Caro Nunez (@raquelcaronunez)

Artistic Director: Monica Menez

Stylist: Sanne Rosch

Hair & Make-Up: Suzana Santalab (@suzana_santalab), Sabine Nania (@sabinenania)

Choreographer: Thomas Lempertz (@thomaslempertz)

Composer: Bennet Meyer

Sound Design and Mix: Zhenya Diachek (@zhenyadiachek)

Cast: Francesco Brunetti (@francescobrunetti) Julian Daynov (@julian_daynov), Nina De Lianin (@ninadelianin), Luca Fröhlingsdorf, Thomas Lempertz, Sina Röhrich, Zhang Di, Regina Küper, Annika Klinar, Angela Dörler

news n°
152827
From beautynews
24 Nov 2020

Beppe Modenese, protagonista della moda italiana per oltre mezzo secolo e presidente onorario della Camera Nazionale della Moda, è scomparso a Milano il 21 novembre, pochi giorni prima di compiere 91 anni. Era nato ad Alba il 26 novembre 1929. Se ne va dopo un'altra figura di una stagione leggendaria della moda, la modella Isa Stoppi.

Gli esordi di Beppe Modenese nel mondo della moda risalgono agli anni 50, quando collabora tra gli altri con Emilio Pucci e Roberto Capucci, e partecipa alle iniziative del Sindacato Italiano Alta Moda che diventa qualche anni più tardi la Camera della Moda Italiana, di cui ricopre per molti anni la carica di presidente.

Leggete anche il ricordo di Fabiana Giacomotti

MILAN, ITALY - SEPTEMBER 27: Beppe Modenese attends the Guli Presents 'Style.Uzbekistan'  show as part of Milan Womenswear Fashion Week Spring/Summer 2010 on September 27, 2009 in Milan, Italy.  (Photo by Vittorio Zunino Celotto/Getty Images)
Beppe Modenese: il ricordo di Vogue Italia
Conosceva la moda italiana in ogni minima piega, in ogni dettaglio, in ogni volto. Perché l’aveva fondata, ideata, guidata lui. 

Nel 1952 con il marchese Bista Giorgini aveva organizzato il primo grande evento della moda italiana: la sfilata nella magnifica Sala Bianca di Palazzo Pitti a Firenze.

Raccontare la sua vita significa ripercorrere l'ascesa del made in Italy nel mondo. Modenese se ne era fatto ambasciatore, portavoce e promotore seguendone lo sviluppo e l'espansione internazionale accanto ai grandi stilisti degli anni 70, 80 e 90. La rivista Women’s Wear Daily nel 1983 lo aveva definito “Italy’s Prime Minister of Fashion”

Nel 2014 gli è stato dedicato un volume: B.M. - Beppe Modenese. Minister Of Elegance, edito da Skira, a cura di Roberta Filippini, con contributi di Franca Sozzani, Suzy Menkes, John Fairchild, arricchito da una grande collezione di immagini della vita di Modenese, pubblica e privata.

Ascoltate il nostro podcast sulle origini della moda italiana
ITALY - JULY 15:  The Italian Liner
podcast
Fashion Tales. Il Transatlantico della Moda
La storia della traversata della motonave Cristoforo Colombo, che diventerà un'incredibile sfilata in mare aperto, inaugura la serie Fashion Tales dei podcast di Vogue Italia
news n°
152818
From beautynews
24 Nov 2020
Il seno di una donna cambia a seconda delle fasi della vita. Sancisce il passaggio dall'infanzia all'adolescenza, muta il suo aspetto durante l'allattamento e cambia ancora quando arriva la menopausa. Abbiamo chiesto alla senologa Antonia Girardi cosa succede al seno nell'arco della vita e alla psicologa Valeria Randone come questi cambiamenti sono percepiti.
news n°
96780
From gossip
13 Nov 2020

The great thing about being a hairdresser is there is always something new to learn. Whether it’s a technique, trend or trying out new products, it’s easy for stylists to update their skills. And while the basics may remain the same, it’s the little things that make your work modern and relevant for clients today.

HAIR is the ultimate fashion accessory and it has never been so talked about than this year,” says TONI&GUY international artistic director, COS SAKKAS. “Women – and men – have really appreciated what we do, how we can transform their hair and how important we are to them. It may not have been the year to talk trends, but it has been the year to talk about looking after what you’ve got, how to add small details for a change and how beautiful, wearable hair makes you feel great.

2020 has also been the year of learning new things – from baking bread to learning a new language. For hairdressers, it’s been the perfect time to keep on top of skills and learn new ones. TONI&GUY, along with other companies, have been creating digital education and while it will never replace a live classroom experience, it has meant we can ensure that when clients come back to the salon, we are more than ready for them.”

COS SAKKAS give his tips
on making education
during a pandemic work for you

Cos Sakkas for TONI&GUY

1 It’s easy to forget about training and concentrate on getting your clients in your chair. But if the pandemic has taught us one thing, it’s that people’s lifestyles have changed. It’s not just about looking good, they want to feel great too. So think about your consultation process and how that can be improved.

2 It’s all in the detail – not everyone wants a drastic change, but a new fringe, added layers or small colour change can make a huge difference. Focus on your personalising and finishing skills.

3 Make sure you are aware of what celebrities are wearing – a new fringe or colour can be the next trend.

4 There’s so many digital courses, so choose wisely. Do your research. What do you want to learn? What do you admire about the person holding the education session? What will you learn from the session?

5 As well as updating your everyday skills, spend some time on your creativity. Playing with hair is an important part of our job as you think outside the box.

6 Working on a mannequin head is not like working on a real model/client – but it does mean you can try something new without any tears if it goes wrong! Push yourself to try new textures, new cutting techniques and new shapes.

7 Take advantage of any free education your product partners are offering. Many are offering sessions in business as well as creativity so make sure you are part of it.

8 There are some great educators around the world offering digital education. At TONI&GUY we have uploaded Get the Looks onto our IGTV, social media can be a great place to be inspired.

9 Perfect your specialist area, but make sure you are competent in all skills. You need to be able to accommodate every request that comes through your door – from short hair to Afro to curls and long hair.

news n°
96652
From gossip
12 Nov 2020

POLVERINI Hair Academia
riapre i suoi CORSI
con FORMAZIONE PERSONALIZZATA

POLVERINI Hair Academia, Scuola professionale per Parrucchieri di FIRENZE, presenta una vasta gamma di CORSI di FORMAZIONE che copre tutti i settori dell'HAIRSTYLING : dal CORSO BASE ai CORSI di SPECIALIZZAZIONE.

I CORSI di FORMAZIONE per PARRUCCHIERI a breve, medio e lungo termine, possono avere una data di inizio personalizzata e si possono iniziare sempre.

POLVERINI Hair Academia rilascia CERTIFICATI
dal VALORE INTERNAZIONALE ed offre una GARANZIA di professionalità e di un LAVORO sicuro.

Via Aretina 167/a, 50136, Firenze
Tel +39 055 2698048

news n°
96855
From gossip
24 Nov 2020

I Parrucchieri che scelgono gli asciugacapelli PARLUX, sanno a priori, di poter disporre di prodotti professionali di qualità, tecnologicamente avanzati, studiati e creati per migliorare la loro professione.

Tra i prodotti più recenti, sicuramente il phon PARLUX ALYON® nella versione BLU NOTTE, “ ANTIBACTERIAL ”. Un concentrato di potenza e tecnologia che racchiude due sistemi esclusivi: la tecnologia Air Ionizer Tech (il dispositivo che emette ioni negativi e rende i capelli morbidi e lucidi) e l’innovativo sistema HFS “Hair Free System” (filtro cattura capelli) nonché il motore professionale K-ADVANCE® Plus, dalla eccezionale potenza e lunga durata (3000 ore!).

A questo ottimo gioiello per asciugature efficaci e velocissime,  - nell’attuale periodo di emergenza sanitaria -   si è aggiunta anche una verniciatura della scocca con uno SPECIALE TRATTAMENTO ANTIMICROBICO,  arricchito con POLVERE D'ARGENTO, testato e garantito da un ente certificato. L’utilizzo di questo asciugacapelli, risulterà quindi igienicamente sicuro (il trattamento antimicrobico sfavorisce la proliferazione dei batteri ma non protegge dai virus come nel perdurare dell’emergenza sanitaria).

il trattamento antimicrobico sfavorisce la proliferazione dei batteri ma non protegge dai virus come nel perdurare dell’emergenza sanitaria).

Un altro accessorio PARLUX è il DIFFUSORE MagicSense, realizzato per rivoluzionare l’asciugatura dei capelli ricci.

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI

PARLUX
+39 0248402600 | Via Goldoni 12
20090 | Trezzano sul Naviglio (Milano) | Italy

news n°
152822
From beautynews
news n°
96721
From gossip
10 Nov 2020

We can Always be Versatile in Hair look, a long Hair super BLONDE for a day to go at work ! At the night total trasformations, for a diversity mood , short sexy Bob! DOUBLE look !

Hair cut and style: Angelo Di Pasca
Color: Marco Saccucci
Ph: Patrizio Gentile
Model: Silvia Martinetti
Make up: Beatrice Saccucci & Nilofar
Ph assistant: Alessio Marinacci & Elisa Pierini
Salon: Rome - Italy

hair-collections

news n°
152821
From beautynews
24 Nov 2020

È tempo di Black Friday 2020, l’appuntamento con lo shopping, che trasforma l’ultimo weekend di novembre in un tripudio di sconti e offerte imperdibili, anche beauty. Sono tantissimi infatti i prodotti cosmetici da tenere d’occhio in queste giornate speciali, così come i brand e gli e-commerce che lanciano promozioni interessanti, o che approfittano di questo evento per sostenere iniziative benefiche, dando così un motivo in più per acquistare prodotti beauty.

Rear view of young beautiful woman with yellow dress and blue hat having fun in the Lavender farm in Aegean Region, Turkey with setting sun giving sunburst from behind a mountain
Profumi donna: come scegliere quello giusto da regalare
Sono tra i regali più diffusi, ma anche più difficili da fare. Per scegliere il profumo giusto da regalare a una donna, però, ci sono delle regole che possono aiutare
Black Friday 2020: quand’è?

Ecco le date da segnare in agenda: da venerdì 27 novembre a domenica 29, con un’incursione anche nel Cyber Monday di lunedì 30 novembre. Ma attenzione, le offerte spesso si estendono a tutta la settimana o anche a tutto il mese. 

Black Friday 2020 beauty: offerte beauty Davines

Il brand made in Italy, sempre attento alla sostenibilità, preferisce parlare di Green Friday, trasformando la giornata di venerdì 27 novembre in un’occasione benefica: tutti i profitti delle vendite dell’e-shop saranno devoluti a 3Bee, una realtà innovativa che sviluppa sistemi di monitoraggio e diagnostica dello stato di salute delle api, salvaguardandone la salute e proteggendo la biodiversità. Tra i best seller: la linea OI, adatta a tutti i tipi di capelli.

Plentiness

L’e-tailer beauty che propone brand etici, biologici e innovativi, con un approccio volto al benessere e alla mindfulness, anticipa i tempi lanciano un UnBlack Friday che si terrà il 20-21-22 novembre, durante il quale sarà applicato il -15% su tutto il sito, tranne la Sample Box. Must try: Agent Nateur The Holy (Trinity) che racchiude i tre prodotti cult del brand di skincare con ingredienti naturali.

Sephora

Anche quest’anno non mancheranno gli sconti, che partiranno da venerdì 27 per proseguire fino a lunedì 30. I brand coinvolti nelle promozioni saranno tantissimi, e i prodotti spazieranno dal make- up alla skincare, dai profumi agli smalti, insieme ai kit natalizi e ai cofanetti regalo: gli affari sono assicurati!

Douglas

Perché limitarsi al weekend quando il Black Friday può durare molto di più? Per Douglas inizia il 19 novembre e termina lunedì 30. Gli sconti saranno dal -25% al -30% su tantissimi brand e prodotti beauty. L’occasione perfetta per provare il brand cult Augustinus Bader.

& Other Stories

L’intera gamma beauty viso e corpo, compresa la prima linea vegana del brand, parteciperà agli sconti del venerdì nero con una promozione del -20%.

Somatoline Cosmetic

La Black Week dal 23 al 29 novembre porterà con sé una promozione sulla linea corpo al -40% e una sulla linea viso al -50%.

TIGI

Parteciperà al Black Friday con uno sconto del -30% su tutta la gamma dei prodotti per la cura dei capelli, compreso il calendario dell’avvento dove scoprire un prodotto dietro a ogni casellina (esclusa la linea TIGI Copyright).

Coty

I brand del gruppo (Rimmel, Max Factor, Bourjois, Sally Hansen e fragranze, come Instinct di David Beckham) partecipano al Black Month di Amazon, iniziato il 26 ottobre, per poter fare shopping in tutta calma. Gli sconti vanno dal -20% al -30%.

FOREO

I dispositivi skintech del brand svedese saranno scontati fino al -35%, compresi quelli di ultimissima generazione come Luna 3, il tool per la detersione e massaggio del viso. Le offerte saranno disponibili dal 20 novembre al 4 dicembre.

Acca Kappa

Durante il Black Friday omaggia i clienti con due tipologie di set White Moss contenenti prodotti per il corpo, capelli e profumo, a fronte di una spesa minima di € 75 o €100.

Bullfrog

Sul sito della catena di Barbershop ci sarà uno sconto del -30% su tutti i prodotti di beard-care da venerdì a lunedì. Da provare, o far provare al proprio lui, Agnostico, il balsamo multi-funzione per ammorbidire la barba e da applicare post-rasatura.

WeMakeUp

Il Black Month del brand di make-up parte il 2 novembre e termina il 30, periodo durante il quale gli sconti arriveranno al -30%. Tra i prodotti da tenere d’occhio i nuovi SO Lip Gloss, dalla formula leggera e non appiccicosa.

Biofficina Toscana

Per il weekend del Black Friday sul sito del brand di skincare bio sarà applicato il -15% su tutto, esclusi i nuovi lanci. Must have: Burro Struccante ai frutti rossi, con principio attivo brevettato derivato da frutti rossi delle colline toscane.

Noor Beauty Shop

L’e-commerce dedicato alla skincare clean che seleziona indie beauty brand propone uno sconto del -20% dal 20 al 27 novembre. Prodotto cult: Argentum Apothecary L’Etoile Infinie, l’olio viso antiossidante che protegge la pelle da tossine e inquinamento.

Codex Beauty

Il brand irlandese di skincare con ingredienti bio e pack 100% biodegradabili offre sconti fino al - 30% durante il weekend del Black Friday. Da provare: il Discovery Set della linea Bia, idratante e nutriente.

MAC Cosmetics

Partecipa al Black Friday con lo sconto del -35% su tutto e -50% su una selezione di prodotti, esclusi Viva Glam, mini e nuove collezioni. È l'occasione ideale per provare uno dei best seller, come il fondotinta Studio Face & Body.

Incarose

Regala uno sconto del -25% su tutto il catalogo presente sul sito incarose.it dal 26 novembre al 1 dicembre. Da provare: Power Filler, kit da 7 ampolle con acido ialuronico super concentrato con effetto idratante e antirughe.

Charlotte Tilbury

Sull'ecommerce di Charlotte Tilbury prende vita la Cyber Week. Dal 19 al 30 novembre verranno proposte una serie di offerte imperdibili con sconti fino al -50% tutte da scoprire di giorno in giorno. Non fatevi scappare il trio di rossetti Matte Revolution.

ghd

Il risparmio sulle celebri styler ghd e non solo arriva fino a -40€, esclusa la collezione Wish Upon A Star. Non solo, verranno anche lanciati dal 20 novembre al 1 dicembre i killer deals, offerte esclusive a tempo limitato sui best seller. Da regalarsi: la styler Platinum+.

L'Occitane en Provence

Offre una settimana di sconti online e in boutique. Dal 23 al 30 novembre -20% su tutto, esclusa la linea Immortelle Reset, i cofanetti regalo e i prodotti solidali. Tra i best seller: la Crema Confort Ultra Riche al burro di karité.

Korff

Propone lo sconto del -40% sulla linea dei detergenti viso Cleansing, sulla gamma del makeup occhi Cure Make Up, e sulle linee Upgrade e Perfect Balance, antiage e riequilibrante. 

Agenov Skincare

Le promozioni arrivano al -70% dal 23 al 29 novembre sulla linea Limited Edition Youthful e al -30% sulla combo Siero Detox + Scrub Viso.

Kiehl's

Propone il -25% di sconto su tutto il catalogo e la possibilità di ricevere in omaggio fino a 10 mini size, per provare gratuitamente tantissimi prodotti. Imperdibile il Midnight Recovery Concentrate nel pack natalizio limited edition.

Le Mini Macaron

Il Black Friday è l'occasione ideale per regalarsi un kit da manicure semipermanente fai da te, da fare in casa da sole. Gli sconti vanno fino a -70%.

DavinesBIGLIARDI GIUSEPPE
Agent Nateur (in vendita su plentiness.com)
Sephora
Augustin Bader (in vendita da Douglas)Pixelate
& Other Stories
Somatoline Cosmetic
TIGI
Il cofanetto profumo + bagnoschiuma di David Beckham (Coty)
FOREO Luna
Acca Kappa
Bullfrog
Wemakeup
Biofficina Toscana
Argentum Apothecary (in vendita su noorbeautyshop.com)
Codex (in vendita su plentiness.com)
MAC
Incarose
Charlotte Tilbury
ghd
L'Occitane en Provence
Korff
Agenov
Kiehl's
Le Mini Macaron
news n°
152829
From beautynews
24 Nov 2020

Dynamo Camp Onlus è un'associazione no profit che offre a bambini e adolescenti affetti da patologie gravi o croniche e alle loro famiglie attività gratuite di terapia ricreativa, volte a rafforzare in loro la fiducia in se stessi e nelle proprie capacità con benefici di lungo periodo. I programmi di Terapia Ricreativa Dynamo sono costituiti da attività e laboratori, che si svolgono con l'assistenza di uno staff qualificato presso la struttura di Dynamo Camp e attraverso il progetto Dynamo Programs, in strutture ospedaliere, associazioni patologia e case famiglia del territorio nazionale.

Moda 2020: tutti i nuovi progetti charity
Aquatic Creatures è un progetto tra design e illustrazione nato dall’immaginazione di Riccardo Capuzzo che attraverso piatti, carte da parati, stampe su vetro acrilico e taccuini popolati da animali mistici e riferimenti marini vuole trasmettere un messaggio importante riguardo la conservazione e tutela del mondo acquatico. Le creazioni sostengono l’associazione no profit Whale and Dolphin Conservation (WDC), il principale ente di beneficenza dedicato alla protezione di balene e delfini. WDC è presente a livello internazionale da oltre 30 anni, con uffici nel Regno Unito, negli Stati Uniti, in Germania e in Australia. La conservazione di queste specie è di vitale importanza per i nostri ecosistemi oceanici, poiché aiuta a mantenere una catena alimentare stabile. A meno che non vengano mantenute popolazioni sane di balene e delfini, altri animali marini minacciano di sovrappopolare gli oceani e causare un pericoloso squilibrio dell'ecosistema.
Aquatic Creatures
Aquatic Creatures è un progetto tra design e illustrazione nato dall’immaginazione di Riccardo Capuzzo che attraverso piatti, carte da parati, stampe su vetro acrilico e taccuini popolati da animali mistici e riferimenti marini vuole trasmettere un messaggio importante riguardo la conservazione e tutela del mondo acquatico. Le creazioni sostengono l’associazione no profit Whale and Dolphin Conservation (WDC), il principale ente di beneficenza dedicato alla protezione di balene e delfini. WDC è presente a livello internazionale da oltre 30 anni, con uffici nel Regno Unito, negli Stati Uniti, in Germania e in Australia. La conservazione di queste specie è di vitale importanza per i nostri ecosistemi oceanici, poiché aiuta a mantenere una catena alimentare stabile. A meno che non vengano mantenute popolazioni sane di balene e delfini, altri animali marini minacciano di sovrappopolare gli oceani e causare un pericoloso squilibrio dell'ecosistema.
Kiabi e Medici Senza Frontiere uniti per assistere giovani madri in difficoltà e bambini nati in contesti d’emergenza: in ocasione del Black Friday l'azienda devolverà per ogni scontrino emesso, in cassa e online, 1€ all’organizzazione. I clienti avranno inoltre la possibilità di sostenere la onlus effettuando una libera donazione al momento del pagamento.
Kiabi
Kiabi e Medici Senza Frontiere uniti per assistere giovani madri in difficoltà e bambini nati in contesti d’emergenza: in ocasione del Black Friday l'azienda devolverà per ogni scontrino emesso, in cassa e online, 1€ all’organizzazione. I clienti avranno inoltre la possibilità di sostenere la onlus effettuando una libera donazione al momento del pagamento.
Il brand presenta Hermy, la borsa che sostiene l'associazione D.i.Re, nata per la lotta contro  la violenza.  “Nei centri antiviolenza della rete D.i.Re le donne trasformano una situazione di momentanea fragilità in forza. Nella relazione con le operatrici scoprono e riconoscono le proprie risorse, al di là della violenza che hanno subito. I centri sono uno spazio dove immaginare e realizzare un nuovo progetto di vita per sé e per i propri figli, su misura dei propri bisogni, desideri, capacità. L’autonomia – una casa, un lavoro – sono l’ultimo tassello del percorso di fuoriuscita dalla violenza costruito nei centri antiviolenza D.i.Re, un passaggio che si scontra con le difficoltà del tempo che viviamo. Per questo siamo molto riconoscenti a Gianni Chiarini per essere al nostro fianco”. Così Antonella Veltri, presidente di D.i.Re, spiega l’importanza dell’iniziativa di Gianni Chiarini, una sinergia che si traduce concretamente nel supporto alle donne nella fase conclusiva del percorso di fuoriuscita dalla violenza.
Gianni Chiarini
Il brand presenta Hermy, la borsa che sostiene l'associazione D.i.Re, nata per la lotta contro  la violenza.  “Nei centri antiviolenza della rete D.i.Re le donne trasformano una situazione di momentanea fragilità in forza. Nella relazione con le operatrici scoprono e riconoscono le proprie risorse, al di là della violenza che hanno subito. I centri sono uno spazio dove immaginare e realizzare un nuovo progetto di vita per sé e per i propri figli, su misura dei propri bisogni, desideri, capacità. L’autonomia – una casa, un lavoro – sono l’ultimo tassello del percorso di fuoriuscita dalla violenza costruito nei centri antiviolenza D.i.Re, un passaggio che si scontra con le difficoltà del tempo che viviamo. Per questo siamo molto riconoscenti a Gianni Chiarini per essere al nostro fianco”. Così Antonella Veltri, presidente di D.i.Re, spiega l’importanza dell’iniziativa di Gianni Chiarini, una sinergia che si traduce concretamente nel supporto alle donne nella fase conclusiva del percorso di fuoriuscita dalla violenza.
Dopo l'annuncio di giugno in cui si proclamava la nascita di una nuova partnership filantropica tra Bulgari e l'Università di Oxford, la donazione di Bvlgari a sostegno degli studenti del dottorato di ricerca sui vaccini è andata a beneficio di due studenti eccellenti, il primo gruppo ufficiale di borsisti Bulgari. Questo mese infatti, lo Jenner Institute dà il benvenuto per l’inizio dei corsi ai dottorandi Cameron Bissett e Rebecca Makinson, due giovani che hanno dimostrato un notevole potenziale accademico e merito nel campo dell'immunologia correlata ai vaccini.
La professoressa di vaccinologia dell’Università di Oxford Sarah Gilbert, che a giugno si è unita al CEO di Bvlgari Jean-Christophe Babin per annunciare la donazione della Maison a favore del Jenner Institute durante un webinar, ha dichiarato: “Siamo molto grati a Bvlgari per aver consentito a Cameron e Rebecca di concentrarsi sulla loro importante ricerca senza preoccupazioni finanziarie. Spero che questi studenti siano i primi di una lunga serie di borsisti Bvlgari.”
Bulgari

Dopo l'annuncio di giugno in cui si proclamava la nascita di una nuova partnership filantropica tra Bulgari e l'Università di Oxford, la donazione di Bvlgari a sostegno degli studenti del dottorato di ricerca sui vaccini è andata a beneficio di due studenti eccellenti, il primo gruppo ufficiale di borsisti Bulgari. Questo mese infatti, lo Jenner Institute dà il benvenuto per l’inizio dei corsi ai dottorandi Cameron Bissett e Rebecca Makinson, due giovani che hanno dimostrato un notevole potenziale accademico e merito nel campo dell'immunologia correlata ai vaccini.

La professoressa di vaccinologia dell’Università di Oxford Sarah Gilbert, che a giugno si è unita al CEO di Bvlgari Jean-Christophe Babin per annunciare la donazione della Maison a favore del Jenner Institute durante un webinar, ha dichiarato: “Siamo molto grati a Bvlgari per aver consentito a Cameron e Rebecca di concentrarsi sulla loro importante ricerca senza preoccupazioni finanziarie. Spero che questi studenti siano i primi di una lunga serie di borsisti Bvlgari.”

Ermanno Scervino presenta “Seeds of love”, una speciale limited edition di shopping bag, realizzata con un patchwork di preziosi pizzi recuperati dagli archivi della Maison Scervino che finanzierà un progetto a salvaguardia della biodiversità del territorio toscano in collaborazione con l’antico Orto botanico “Giardino dei Semplici” dell’Università di Firenze.
Ermanno Scervino
Ermanno Scervino presenta “Seeds of love”, una speciale limited edition di shopping bag, realizzata con un patchwork di preziosi pizzi recuperati dagli archivi della Maison Scervino che finanzierà un progetto a salvaguardia della biodiversità del territorio toscano in collaborazione con l’antico Orto botanico “Giardino dei Semplici” dell’Università di Firenze.
A continuo sostegno della partnership con UNICEF e in vista della Giornata Mondiale dell’Infanzia e dell'Adolescenza del 20 novembre, Pandora ha organizzato un workshop creativo per ispirare le giovani menti ad immaginare il proprio futuro. Come mostrato nel cortometraggio che riporta la voce dell’attrice e ambassador di Pandora Millie Bobby Brown, l’evento che si è tenuto a Copenaghen ha riunito alcuni bambini per dare sfogo alla loro creatività, sognare in grande e dimostrare cosa sono in grado di creare con una semplice scatola di cartone.
Pandora
A continuo sostegno della partnership con UNICEF e in vista della Giornata Mondiale dell’Infanzia e dell'Adolescenza del 20 novembre, Pandora ha organizzato un workshop creativo per ispirare le giovani menti ad immaginare il proprio futuro. Come mostrato nel cortometraggio che riporta la voce dell’attrice e ambassador di Pandora Millie Bobby Brown, l’evento che si è tenuto a Copenaghen ha riunito alcuni bambini per dare sfogo alla loro creatività, sognare in grande e dimostrare cosa sono in grado di creare con una semplice scatola di cartone.
UNIQLO e charity: water celebrano il primo anniversario della partnership per raccogliere fondi per garantire acqua pulita e potabile a migliaia di persone nei paesi in via di sviluppo. Fast Retailing Group ha annunciato nel 2019 un piano per eliminare l’uso della plastica non necessaria nella sua filiera. Allo stesso tempo il Gruppo si è dato l’importante obiettivo di ridurre dell’85% annuo, circa 7.800 tonnellate, l’uso della plastica monouso che viene utilizzata in store per i clienti come le shopping bag o il packaging del prodotto entro la fine del 2020.  Con l'obiettivo di creare un impatto positivo sulla propria impronta ambientale riducendo le borse monouso, UNIQLO ha introdotto lo scorso anno nei suoi negozi in Europa un addebito di 10 centesimi di euro per i sacchetti in carta e ha iniziato a donare i proventi a charity:water, un'organizzazione che fornisce acqua potabile ai paesi in via di sviluppo. Oggi, a un anno dall'inizio della sua partnership con charity: water, UNIQLO annuncia che più di 10.000 persone beneficeranno dell'accesso all'acqua pulita e potabile in India, Cambogia, Malawi e Madagascar.
UNIQLO
UNIQLO e charity: water celebrano il primo anniversario della partnership per raccogliere fondi per garantire acqua pulita e potabile a migliaia di persone nei paesi in via di sviluppo. Fast Retailing Group ha annunciato nel 2019 un piano per eliminare l’uso della plastica non necessaria nella sua filiera. Allo stesso tempo il Gruppo si è dato l’importante obiettivo di ridurre dell’85% annuo, circa 7.800 tonnellate, l’uso della plastica monouso che viene utilizzata in store per i clienti come le shopping bag o il packaging del prodotto entro la fine del 2020.  Con l'obiettivo di creare un impatto positivo sulla propria impronta ambientale riducendo le borse monouso, UNIQLO ha introdotto lo scorso anno nei suoi negozi in Europa un addebito di 10 centesimi di euro per i sacchetti in carta e ha iniziato a donare i proventi a charity:water, un'organizzazione che fornisce acqua potabile ai paesi in via di sviluppo. Oggi, a un anno dall'inizio della sua partnership con charity: water, UNIQLO annuncia che più di 10.000 persone beneficeranno dell'accesso all'acqua pulita e potabile in India, Cambogia, Malawi e Madagascar.
In occasione della Giornata Mondiale del Sorriso (il primo venerdì di ottobre), Coca Cola presenta una serie di 5 lattine in edizione limitata sotto il nome The Smile Can: il progetto riporta  alcuni messaggi scritti in Braille, co-creati insieme ad UICI, Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti. Attraverso “The Smile Can” Coca-Cola ha scelto di sostenere il centenario della fondazione dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti, che proprio nel 2020 celebra questo importante traguardo. “Ottimismo e inclusione fanno da sempre parte del DNA di Coca-Cola” - dichiara Cristina Broch, Direttore Comunicazione e Relazioni Istituzionali per Coca-Cola Italia. “La celebrazione dell’anniversario di UICI è solo il tassello più recente di un percorso che ci vede da tempo impegnati nel promuovere una società più inclusiva dove la valorizzazione della diversità possa essere leva di cambiamenti positivi”.
Coca Cola The Smile Can
In occasione della Giornata Mondiale del Sorriso (il primo venerdì di ottobre), Coca Cola presenta una serie di 5 lattine in edizione limitata sotto il nome The Smile Can: il progetto riporta  alcuni messaggi scritti in Braille, co-creati insieme ad UICI, Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti. Attraverso “The Smile Can” Coca-Cola ha scelto di sostenere il centenario della fondazione dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti, che proprio nel 2020 celebra questo importante traguardo. “Ottimismo e inclusione fanno da sempre parte del DNA di Coca-Cola” - dichiara Cristina Broch, Direttore Comunicazione e Relazioni Istituzionali per Coca-Cola Italia. “La celebrazione dell’anniversario di UICI è solo il tassello più recente di un percorso che ci vede da tempo impegnati nel promuovere una società più inclusiva dove la valorizzazione della diversità possa essere leva di cambiamenti positivi”.
In occasione della Giornata mondiale contro le malattie cardiovascolari del 29 settembre, Manila Grace dà un contributo concreto alla ricerca, sostenendo GSD Foundation nei suoi progetti di ricerca e nelle iniziative di prevenzione per il cuore delle donne.
Manila Grace
In occasione della Giornata mondiale contro le malattie cardiovascolari del 29 settembre, Manila Grace dà un contributo concreto alla ricerca, sostenendo GSD Foundation nei suoi progetti di ricerca e nelle iniziative di prevenzione per il cuore delle donne.
Prada e Sotheby's svelano i pezzi unici che andranno all'asta
Prada
Prada e Sotheby's svelano i pezzi unici che andranno all'asta "Strumenti della memoria", per raccogliere fondi per la Coalizione per l'istruzione globale COVID-19 dell'UNESCO. Nel dettaglio si tratta di articoli moda esclusivi, fotografie e scenografie delle sfilate di moda autunno / inverno 2020 di Prada
I ricavi generati dalla vendita dei primi 50 esemplari della serie di orologi Bvlgari Aluminium Tricolore, che saranno esclusivi e numerati, verranno donati interamente da Bvlgari a favore del progetto “Un dono dal cielo”, raccolta fondi che l’Aeronautica Militare ha avviato in occasione del Giubileo indetto per celebrare il Centenario della proclamazione della Madonna di Loreto, Patrona di tutti gli Aeronauti (previsto per tutto il 2020 e prorogato a tutto il 2021) e che andrà a sostegno dei tre ospedali pediatrici italiani Giannina Gaslini di Genova, Bambino Gesù di Roma e Santobono Pausilipon di Napoli – tutte eccellenze nel loro campo. La seconda parte della serie, per un totale di 1.000 esemplari, sarà disponibile sul mercato internazionale a partire da dicembre 2020. 
L'orologio è stato consegnato simbolicamente all’Aeronautica Militare, al Ten. Col. Gaetano FARINA, Comandante le “Frecce Tricolori” e sarà custodito nell’area museale della Pattuglia Acrobatica Nazionale a Rivolto (UD).
Bulgari
I ricavi generati dalla vendita dei primi 50 esemplari della serie di orologi Bvlgari Aluminium Tricolore, che saranno esclusivi e numerati, verranno donati interamente da Bvlgari a favore del progetto “Un dono dal cielo”, raccolta fondi che l’Aeronautica Militare ha avviato in occasione del Giubileo indetto per celebrare il Centenario della proclamazione della Madonna di Loreto, Patrona di tutti gli Aeronauti (previsto per tutto il 2020 e prorogato a tutto il 2021) e che andrà a sostegno dei tre ospedali pediatrici italiani Giannina Gaslini di Genova, Bambino Gesù di Roma e Santobono Pausilipon di Napoli – tutte eccellenze nel loro campo. La seconda parte della serie, per un totale di 1.000 esemplari, sarà disponibile sul mercato internazionale a partire da dicembre 2020.  L'orologio è stato consegnato simbolicamente all’Aeronautica Militare, al Ten. Col. Gaetano FARINA, Comandante le “Frecce Tricolori” e sarà custodito nell’area museale della Pattuglia Acrobatica Nazionale a Rivolto (UD).
Vestiaire Collective si unisce a Oxfam per supportare l’impegno a favore del Movimento della moda circolare con il lancio di #SecondHandSeptember. Questa campagna coglie l’occasione della Fashion Week per celebrare la moda second-hand, invitando addetti ai lavori e consumers a collaborare nel promuovere un sistema moda più funzionale ed equo, puntando sulla circolarità e sui capi pre-loved.
Vestiaire Collective
Vestiaire Collective si unisce a Oxfam per supportare l’impegno a favore del Movimento della moda circolare con il lancio di #SecondHandSeptember. Questa campagna coglie l’occasione della Fashion Week per celebrare la moda second-hand, invitando addetti ai lavori e consumers a collaborare nel promuovere un sistema moda più funzionale ed equo, puntando sulla circolarità e sui capi pre-loved.
Il couturier olandese Ronald van der Kemp ha collaborato con la casa d'aste Christie’s per una vendita benefica a favore di Refugee Community.
Oggetto dell'asta online, attiva dal 17 al 30 settembre 2020, sono le mascherine haute couture realizzate dal designer in occasione di una speciale performance realizzata lo scorso aprile ad Amsterdam, durante il lockdown.
I proventi delle vendite aiuteranno Refugee Community nel sostentamento di persone con un passato da rifugiati, per il miglioramento delle loro condizioni di vita e l'introduzione al mondo del lavoro. L'associazione inoltre ha recentemente aperto una fabbrica dedicata alla produzione di mascherine protettive nei Paesi Bassi.
Ronald van der Kemp X Refugee Community

Il couturier olandese Ronald van der Kemp ha collaborato con la casa d'aste Christie’s per una vendita benefica a favore di Refugee Community.

Oggetto dell'asta online, attiva dal 17 al 30 settembre 2020, sono le mascherine haute couture realizzate dal designer in occasione di una speciale performance realizzata lo scorso aprile ad Amsterdam, durante il lockdown.

I proventi delle vendite aiuteranno Refugee Community nel sostentamento di persone con un passato da rifugiati, per il miglioramento delle loro condizioni di vita e l'introduzione al mondo del lavoro. L'associazione inoltre ha recentemente aperto una fabbrica dedicata alla produzione di mascherine protettive nei Paesi Bassi.

Marijke Aerden / Courtesy Press Office
Il progetto è nato dall’impegno del brand irlandese Kinahan’s Whiskey per creare serie limitate in collaborazione con artisti internazionali con una più ampia missione culturale e sociale: l’acquisto di ogni pezzo supporta attivamente una specifica causa sociale, dando l’opportunità al fruitore di essere parte di un cambiamento tangibile a favore del nostro pianeta.
KASC Project 
Il progetto è nato dall’impegno del brand irlandese Kinahan’s Whiskey per creare serie limitate in collaborazione con artisti internazionali con una più ampia missione culturale e sociale: l’acquisto di ogni pezzo supporta attivamente una specifica causa sociale, dando l’opportunità al fruitore di essere parte di un cambiamento tangibile a favore del nostro pianeta. "I’M OK" by Marcantonio è il primo pezzo limitato del progetto KASC che dopo la pre-sale iniziata a luglio da oggi, 7 settembre, è finalmente pronto per approdare alla vendita online. I proventi di questa prima collaborazione saranno devoluti a Food for Seul, organizzazione no-profit fondata da Massimo Bottura e Lara Gilmore. Il ricavato della vendita di ogni singola opera sosterrà direttamente i Refettori di Food for Soul, che quotidianamente si occupano di raccogliere cibo che altrimenti andrebbe sprecato e di trasformarlo in pasti offerti alle comunità più vulnerabili. Una causa che è ancora più necessaria ed evidente in questo periodo di incertezza per alcune realtà fragili nel mondo.
©2015 Trabalza/Jin
Bata è da sempre dalla parte delle donne esaltando l’energia e la forza che le contraddistingue. Per celebrarle, in occasione della Festa della Donna, ha deciso di supportare Indifesa di Terre des Hommes, che dal 2012 ha posto al centro della propria azione la protezione di donne, ragazze e bambine avviando un’intensa attività di sensibilizzazione e prevenzione delle discriminazioni e della violenza di genere in Italia e nel mondo. Un sostegno reale quello fornito dal marchio di calzature, che vuole rafforzare ancora di più la vicinanza e l’appoggio alle donne di qualsiasi età. Attraverso un’attività di raccolta fondi della durata di due settimane, che prevede la donazione di 2€ per ogni paio di calzature Bata acquistate, verrà aperto a Parma il nuovo centro di ascolto e di supporto per donne e bambini in difficoltà. La volontà è quella di dare vita ad un luogo accogliente, all’interno del quale si possa offrire non solo un sostegno psicologico e legale, ma anche momenti ludico-ricreativi che possano favorire la socializzazione e l’integrazione.
Bata
Bata è da sempre dalla parte delle donne esaltando l’energia e la forza che le contraddistingue. Per celebrarle, in occasione della Festa della Donna, ha deciso di supportare Indifesa di Terre des Hommes, che dal 2012 ha posto al centro della propria azione la protezione di donne, ragazze e bambine avviando un’intensa attività di sensibilizzazione e prevenzione delle discriminazioni e della violenza di genere in Italia e nel mondo. Un sostegno reale quello fornito dal marchio di calzature, che vuole rafforzare ancora di più la vicinanza e l’appoggio alle donne di qualsiasi età. Attraverso un’attività di raccolta fondi della durata di due settimane, che prevede la donazione di 2€ per ogni paio di calzature Bata acquistate, verrà aperto a Parma il nuovo centro di ascolto e di supporto per donne e bambini in difficoltà. La volontà è quella di dare vita ad un luogo accogliente, all’interno del quale si possa offrire non solo un sostegno psicologico e legale, ma anche momenti ludico-ricreativi che possano favorire la socializzazione e l’integrazione.
Press office
Sword 6.6.44 sostiene una cooperativa sociale italiana che aiuta le donne sole o con figli, con disagi e difficoltà. Una selezione di capi Sword vengono quindi dipinti e customizzati dalla Comunità. Le giacche diventano una sorta di
Sword 6.6.44
Sword 6.6.44 sostiene una cooperativa sociale italiana che aiuta le donne sole o con figli, con disagi e difficoltà. Una selezione di capi Sword vengono quindi dipinti e customizzati dalla Comunità. Le giacche diventano una sorta di"tela", sapientemente lavorata  e decorata.

Per sostenere questo importantissimo lavoro, quest'anno Culti ha realizzato un'edizione limitata della fragranza per la casa Aramara, studiata apposta per Dynamo The Good Company, la società benefit realizzata da Fondazione Dynamo. Caratterizzata da un'estetica pulita ed elegante, Aramara è un best seller le cui note agrumate si diffondono negli ambienti restando in sospeso tra una piacevole amarezza e una dolcezza candita.

Culti per Dynamo è disponibile nel formato 500 ml - a 105 €uro, sul sito Dynamo Shop e nello store di Animal House - Milano Via Aurelio Saffi, 7 Milano.

Per informazioni: info@prodynamo.com

news n°
96812
From gossip
18 Nov 2020
investimento 2021

Manovra finanziaria 2021 approvata ieri dal Consiglio dei Ministri

Viene ufficialmente estesa al 2021 e 2022
l'AGEVOLAZIONE FISCALE per chi investe in pubblicità,
calcolata al 50% sul totale speso nell'anno
come credito d'imposta.

Persone vettore creata da pch.vector - it.freepik.com

Your browser is too old for our new website. It would be best if you went to a more recent and secure browser version. Using this browser may cause security or usage problems.
X
Vendita ECommerce Prodotti per parrucchieri | ECommerce | GLOBElife | E TRENA | Tinture per capelli | Piastre per capelli | Articoli per parrucchieri | Spazzole per capelli